Cerchiamo distributori! Produciamo le nostre batterie in Cina e le importiamo dentro la comunità Europea con tutte le certificazioni necessarie. Se sei un rivenditore/distributore di batterie per notebook contattaci!

Looking for resellers all over Europe! We manufacture our batteries in China and we import into the European community with all the necessary certifications. If you are a dealer/distributor of notebook's batteries, contact us!

Nuovo firmware Tenda D301 per ADSL Tiscali

Modem-Router-ADSL2+-Wireless-N300-USB-D301_Tenda_D301Tenda Networking ha rilasciato un firmware per il modem ADSL D301 compatibile con la modalità di modulazione del ISP italiano Tiscali.

L’incompatibilità è nota con il firmware V1.2.4.6_IT_HON01.

In questi casi aggiornare il firmware, con la procedura normale interna all’interfaccia di gestione web, alla versione US_D301V1.0Br_V1.2.4.2_IT_HON01 scaricabile a questo indirizzo:

Firmware D301 V.1.2.4.2 – best for Tiscali ADSL

Sostituire il vetro di un MacBook

Non sempre una caduta accidentale rompe il display del notebook. A volte è solo il vetro a creparsi, mentre il display al di sotto del vetro risulta perfettamente funzionante.
In questi casi, invece di sostituire tutto il costosissimo display del MacBook, è sufficiente cambiare il vetro che lo protegge.

I vetri sono acquistabili qui: Life365.eu – Accessori Display

Vi segnalo questo interessante video che spiega come poterlo fare anche con strumenti non professionali.

Display 10.0″ compatibile con display 10.2″

Molti dei display in vendita per i Netbook da 10,0″, possono essere utilizzati anche sui Netbook che montano un display da 10,2″.

Tutto combacia alla perfezione, connettore, viti di fissaggio, etc.;

l’unica differenza (vedi foto) è che 1,5mm di parte metallica è visibile al di fuori della cornice.

10.0in10.2

La batteria che funziona a batteri

Generare elettricità dalle acque di scarico domestiche, industriali o agricole, grazie ai batteri. Ci sono  riusciti ricercatori della Stanford University in California che hanno costruito una “batteria a microbi”.

Hanno usato batteri che digeriscono i nutrienti organici, senza utilizzare ossigeno, liberando elettricità nel processo.

Gli scienziati da tempo stanno provando ad usare questi microbi come “bio-generatori”, ma sfruttare questa energia non è stato finora facile.

I ricercatori di Stanford ci hanno provato con una piccola batteria semplice ed efficiente. L’apparecchio è formato da due elettrodi immersi in un contenitore pieno di liquami. Gli scienziati hanno depositato colonie di questi batteri sul polo negativo della batteria.

Mentre si nutrivano delle sostanze presenti nell’acqua, i microrganismi producevano elettricità che era catturata dal polo positivo della batteria.

I ricercatori suggeriscono che questa tecnica potrebbe essere applicata per produrre parte dell’elettricità che oggi è usata per far funzionare gli impianti di trattamento delle acque.

Come cambiare il monitor di un notebook

Per procedere alla sostituzione del pannello LCD/LED del vostro notebook, abbiate cura di verificare le seguenti cose:

1: Spegnete completamente il notebook ed estraete la batteria. Non operate con il computer ancora in tensione per evitare irreparabili danneggiamenti.

2: Prestate attenzione a connettere correttamente il cavo LVDS verificando che combaci perfettamente il connettore.

3: Solo una volta completata l’installazione del pannello LCD/LED ridate corrente al computer.

change_lcd

Possibili problemi

Se una volta installato il monitor, se questo non funziona o lo schermo rimane bianco, le ragioni potrebbero essere:

1: Il cavo LVDS non è connesso correttamente, verificate e ricollegatelo di nuovo con attenzione

2: Il software di controllo del monitor non corrisponde al modello installato, verificate con più accuratezza la tabella di compatibilità panello/notebook.

Dove comprare un monitor di ricambio: www.life365.eu

Come convertire mAh in Wh

Come convertire da milliamp-hour (mAh) a watt-hour (Wh).

Formula di conversione da milliampere-hour a Watt-hour

L’energia E(Wh) in watt-hours è equivalente alla carica elettrica Q(mAh) in milliampere-hour moltiplicata per il voltaggio V(V) in volts (V) divisa per 1000:

E(Wh) = Q(mAh) × V(V) / 1000

Ne segue che watt-hour è equivalente a milliamp-hour per i volts divisi per 1000:

watt-hours = milliampere-hours × volts / 1000

o anche

Wh = mAh × V / 1000

Esempio

Trovare l’energia in watt-hours quando la carica elettrica è di 4400 milliampere-hour e il voltaggio è di 10,8 volts.

L’energia E è equivalente a 4400 milliamp-hour per 10,8 volt diviso per 1000:

E = 4400mAh × 11,1V / 1000 = 49Wh

 

Come convertire Wh in mAh

Come convertire Wh in mAh

La capacità di una batteria è la quantità di carica immagazzinabile e pertanto direttamente proporzionale alla durata che questa ha per ogni ciclo di carica.

La capacità delle batterie a volte è dichiarata in watt-ora (Wh), altre volte in milliampere-ora (mAh).
Che relazione c’è tra le due unità di misura? Come possono essere confrontabili?

Data la loro diretta proporzionalità esiste una formula per convertire dall’una all’altra unità di misura e viceversa.

Formula di conversione da Watt-hour a milliampere-hour

La carica elettrica Q(mAh) in milliampere-hours (mAh) è equivalente all’energia E(Wh) in watt-hours (Wh) moltiplicata per 1000 e divisa per il voltaggio V(V) in volts (V):

Q(mAh) = E(Wh) × 1000 / V(V)

Ne segue che milliamp-hour è equivalente a watt-hour moltiplicato 1000 e diviso per i volts:

milliamp-hour = watt-hour × 1000 / V

o anche

mAh = Wh × 1000 / V

Esempio

Trovare la carica elettrica in milliamp-hour quando il consumo di energia è di 47 watt-hour e il voltaggio è di 11,1 volts.

La carica elettrica Q equivale a 47 watt-hour moltiplicati per 1000:

Q = 47Wh × 1000 / 11,1V = 4234mAh

 

Come convertire mAh in Wh

Pile a bottone: come maneggiarle

La chimica delle pile a bottone, nonostante le ridotte dimensioni, consente lunghe durate negli apparecchi in cui vengono utilizzate. Prima o poi però giunge anche il tempo della loro sostituzione.

Nel maneggiarle dobbiamo prestare maggiore attenzione rispetto alle pile di formato cilindrico. Oltre ai materiali più pericolosi contenuti, salta subito all’occhio la mancanza in queste pile di una superficie ampia coperta di materiale isolante da dove poterle afferrare. Questa mancanza di isolante rende molto semplice mandare in corto circuito la nuova pila, con la conseguenza di disperdere nel montaggio la metà della sua energia.

Precauzioni nell’installazione per evitare corto circuiti

1. Sovrapposizione delle batterie

 

overlapping_batteriesA lato è mostrata la forma delle batterie a bottone. La superficie metallica positiva e quella negativa sono massimamente esposte divise unicamente da una sottile guarnizione cilindrica. Quando le batterie sono appoggiate disordinatamente il polo positivo e quello negativo possono toccarsi creando un corto circuito.

2. Batterie riposte su un contenitore metallico o su una superficie metallica

batterie_su_superficie_metallicaSimilmente al problema della sovrapposizione, quando queste batterie sono riposte a contatto con una superficie metallica il polo positivo e il polo negativo posso cortocircuitare attraverso la superficie conduttiva su cui sono riposte.

3. Maneggiate con pinze metalliche

pinze_metallicheSe per la sua sostituzione la pila viene afferrata con una pinza metallica, la pila subisce un cortocircuito attraverso la corrente passante attraverso le pinze.

4. Schede su cui è montata la pila accatastate

Se le schede con i circuiti stampati vengono impilate a caso con le rispettive pile montate, possono chiudersi in maniera casuale dei percorsi formando un circuito di scarica della pila.

5. Scarica tramite contatto con materiali di prevenzione scariche elettrostatiche

Tappetini conduttivi sono ampiamente utilizzati per impedire all’elettricità statica di distruggere semiconduttori.
Se un circuito con batteria montata viene messo su un tappetino conduttivo, le saldature dei circuiti potrebbero toccare tale superficie, fornendo un percorso di scarica per la pila.

6. Batterie toccate a mani nude

Questo è l’errore più ricorrente in cui si può incappare durante la fase di sostituzione della pila. Queste pile, non avendo parti schermate possono facilmente cortocircuitare tramite l’ampiamente conducibile corpo umano.
Se le batterie sono toccate con le mani nude, ad esempio se afferrate tra pollice e indice, potrebbero già perdere quasi metà della propria carica durante questa fase di installazione.

7. Pila montata a polarità invertita

Se nel montaggio il polo positivo (+) e quello negativo (-) sono montati invertiti, la pila potrebbe subire un processo di scarica. Questo dipende dalla progettazione e dal tipo di circuito elettrico.

8. Modifica delle caratteristiche elettriche a seguito di un cortocircuito

Le pile al litio e biossido di manganese possono richiedere molto tempo per ritrovare la corretta tensione normale anche dopo un leggero corto circuito.
Quando le pile hanno subito un corto circuito, attendere un tempo adeguato affinché possano recuperare le corrette caratteristiche elettriche.

9. Placche di bloccaggio danneggiate

placche_piegateI fermi delle pile a bottone sono spesso molto sottili e delicati. Possono pertanto facilmente piegarsi toccando in questo modo entrambi i terminali della pila, così da farla cortocircuitare.

10. Saldature non precise

Le saldature di riparazione ai circuiti potrebbero chiudere parte di questi causando un corto circuito che scarica la pila.

Le pile zinco-carbone rappresentano la tecnologia più vecchia di pile oggi in commercio. La versione commercializzata attualmente, basata sul composto zinco-chloride, è un miglioramento dell’originale cella a zinco-carbone che, usando prodotti chimici più puri, offre una maggior durata e un voltaggio più stabile durante l’uso.

Per differenziare le due versione, la seconda viene spesso marchiata col nome di heavy duty in quanto può essere usata con maggiore efficacia su apparecchi più voraci di energia rispetto alla versione precedente.

Con l’avvento delle pile alcaline, la dicitura heavy duty delle pile zinco-chloride diventa tuttavia fuorviante, dato che risultano più indicate per utilizzi pesanti queste ultime.

Le pile zinco carbone sono molto più economiche rispetto alle alcaline, ma queste ultime rendono molto di più.

Le alcaline, se non utilizzate per molto tempo, perdono meno energia rispetto alle zinco carbone che invece si deperiscono rapidamente, anche se non vengono usate.

Per quali applicazioni il basso prezzo può giustificarne l’utilizzo?

Le pile “zinco-carbone” ed equivalenti, che costano poco e durano anche poco, forniscono poca corrente e vanno bene per apparecchi privi di parti in movimento e con basso assorbimento come ad esempio i telecomandi o gli orologi.

Per tutto il resto, o quasi, la maggiore qualità delle alcaline giustificano la maggior spesa.

Entrambe, quando esaurite, sono rifiuti speciali e vanno smaltiti negli appositi contenitori.scontro

Battery Care freeware

Negli ultimi anni la tecnologia costruttiva delle batterie a ioni di Litio ha fatto passi da gigante, ma le preziose batterie tendono comunque ad usurarsi con il tempo, magari “piantandovi in asso” in un momento critico.

Battery Care è un programma gratuito e oltre ad ottimizzare l’uso e le prestazioni delle batterie dei notebook (e simili) è capace di valutare lo stato di salute della batteria.

Grazie a questo intuitivo software è possibile capire se la batteria sta per rompersi, concedendo un margine di tempo per una sostituzione preventiva.

I programma è scaricabile nella versione installabile o portatile.